Translate

giovedì 21 febbraio 2013

Sazia.

E se fossi stata tanto insaziabile da saziarmene, della mia ambizione?

Se fosse che la tanta eccellenza che rincorro insoddisfatta da ormai 4 anni poi in realtà sia solo una gabbia per la creatività?

Non ho stimoli da un paio di mesi, di nuovo in stallo,
la pelle giallo stagnante,
il bypass incapace di drenare,
la pineale addormentata che senza luce non mi aiuta a distinguere.
Il sonno, la veglia,
la fame, la voglia.

E per la prima volta dopo anni, mi si sta insinuando dentro un'assoluta voglia di fermarmi, stabilirmi, accontentarmi di meno sbattimento sul lavoro, e di più semplicità, pace fuori, silenzio, casa.

Si vabbè, poi chissà per quanto dura,
che le mie motivazioni non si fermano mai più di un paio di giorni, si sa.

Nessun commento:

Posta un commento